La vasta area è compresa tra via Ascalesi, via Casanante, via Aleandro, con esclusione della zona occupata dai campi sportivi, includendo la zona dell'attuale vivaio. Assumendo via Ascalesi come asse longitudinale di riferimento, tutto il progetto dell'area è costruito sulla base di una maglia geometrica che ripropone il ritmo degli edifici pubblici lungo lo stesso asse stradale. Questa maglia di riferimento crea un ritmo segnalato dalla collocazione dei lampioni e della scultura, sulla base del quale sono disegnate le altre geometrie progettuali. Lungo via Ascalesi le fasce pavimentali in cemento colorato identificano tre diverse aree unite dai tracciati geometrici di costruzione che proseguono da una zona all'altra creando dei piani lievemente inclinati per adagiarsi alla morfologia del terreno a colorazioni alterne ed andamento longitudinale. Sul sistema delle fasce colorate si innesta quello delle siepi che si vanno in parte a sovrapporre alle fasce segnando il passaggio tra le pavimentazioni e le superfici erbose, o rivestite in tavolato ligneo, poste a cavallo della grande rampa centrale di accesso all'area del parco, di forma trapezoidale, rivestita in cordoli di cemento alternati a fasce erbose (cemento-prato). All'angolo tra via Ascalesi e Via Casanante sono collocate le due grandi superfici della piazza quadrata e della cavea segnate solo dal ritmo dei lampioni e della scultura e collegate dalla passerella lignea a cavallo della fontana.
next >>
 

Roma
“Progetto per la riqualificazione dell’ area di via Ascalesi” _ progetto preliminare, definitivo ed esecutivo”
D. Cavezzali, M. Cimato, F. Trinca con: I. Pizzetti, E. Consolazione
coll: G. Ceriani Sebregondi, S. Borgia, S. Cicconi, L. De Marco, A. Feo, S. Liverani, L. Manfredonia, F. Morgia, A.M. Mosca, L. Roncaglia,
N.M. Sacchetti, M. Scarpa
Progetto impiantistico: M. Petriccione, M. Mercuri
Progetto strutturale: Studio Musmeci, Solidus s.r.l., V. Di Santo, R. Musto
Computi metrici: R. Musto
1996-2007_in corso di realizzazione