Luogo dei sensi e della suggestione, il giardino offre a chi lo visita ambiti emozionali che, vissuti ed attraversati, divengono esperienza e memoria comune, episodi di una storia condivisa che consolida la felicità dello stare insieme. Una struttura di percorsi simile ad una rete si appropria del fianco della montagna, segnandola, saggiandone le forme e le asperità e, al contempo, intercettando ambiti definiti nelle loro specificità. Elementi/soggetti di ceramica punteggiano il nuovo giardino, acquisendo il senso caratteriale ed espressivo dei personaggi di una vicenda sentimentale, o meglio dell’innamoramento che, sempre, costituisce nella vita degli individui una profonda rivoluzione.
Una struttura di percorsi simile ad una rete si appropria del versante della montagna ...
... un tappeto di felci crea il nuovo sottobosco ...
... corpi in ceramica punteggiano il nuovo giardino ...
 
 

Merano (Bz)
Concorso di Progettazione “Giardino degli Innamorati”
con: Studio Costa & Partners
sculture: Marino Moretti
2002_concorso internazionale di idee